Over 10 years we help companies reach their financial and branding goals. Engitech is a values-driven technology agency dedicated.

Gallery

Contacts

411 University St, Seattle, USA

engitech@oceanthemes.net

+1 -800-456-478-23

Progetti
e-brake2-cleansky

E-BRAKE Electro-mechanical braking system

E-BRAKE è un progetto di ricerca che rientra nel più vasto programma europeo di ricerca e sviluppo Clean Sky 2, atto ad avviare partenariati pubblico-privati tra la Commissione europea e l’industria aeronautica europea al fine di realizzare velivoli innovativi in termini di impatto ambientale, dunque aeromobili più silenziosi, più efficienti nei consumi ed in generale più rispettosi dell’ambiente nel corso del loro intero ciclo vita.  

Che cos’è Clean Sky 2

Clean Sky 2 è il principale programma di ricerca europeo nel settore dell’aeronautica finanziato, per il periodo 2014-2020, con 1,75 miliardi di euro dall’UE nell’ambito del programma europeo per la ricerca e l’innovazione Horizon 2020 e con 2,2 miliardi di euro dai soggetti che aderiscono all’iniziativa, per un investimento totale di circa 4 miliardi di euro.

L’obiettivo del programma Clean Sky 2 è di sviluppare tecnologie innovative per limitare in modo significativo l’impatto ambientale causato dall’impiego di aeromobili e, più in generale, imputato al trasporto aereo. Per questo motivo il programma Clean Sky mira ad accelerare lo sviluppo di tecnologie innovative e a ridurre i tempi di commercializzazione delle nuove soluzioni testate sui dimostratori in scala reale.

E-Brake

Il progetto di ricerca E-BRAKE risponde all’esigenza di Piaggio Aerospace (Topic Leader di progetto e responsabile della specifica dei requisiti funzionali e prestazionali) di studiare e definire un sistema frenante innovativo di tipo elettro-meccanico integrabile su velivoli di piccole dimensioni, che rientrano nel programma SAT (Small Aircraft Transport) di Clean Sky 2, tenendo conto dei vincoli di massa e peso, di consumo energetico e di sicurezza imposti dalle applicazioni aeronautiche. 

Il consorzio incaricato dello sviluppo del progetto è costituito dalla Mare Engineering SpA in qualità di coordinatore e responsabile delle azioni di comunicazione e disseminazione del progetto, dalla Umbria Aerospace Systems SpA (UAS) e dalla Magnaghi Aeronautica SpA in prima linea nella progettazione e realizzazione di sistemi di atterraggio per aerei ed elicotteri e, in qualità di enti di ricerca, sia dal Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Perugia per lo sviluppo di algoritmi di diagnostica e prognostica e sia dal Centro Regionale di Competenza Nuove Tecnologie per le Attività Produttive SCARL (CRdC) per la ricerca di materiali frenanti innovativi. 

La prima fase del progetto consisterà in una revisione delle specifiche, con la progettazione preliminare del sistema e una valutazione dell’innovazione tecnologica, con l’obiettivo finale di integrare e armonizzare il modello da sviluppare e le proposte innovative.  Seguiranno studi per la definizione delle logiche di comando del sistema frenante, per la finalizzazione dell’algoritmo di antislittamento, per la verifica dell’intero sistema tramite simulazioni e conseguenti analisi delle prestazioni. Saranno altresì verificate le capacità diagnostiche e prognostiche proprie del sistema, al fine di sviluppare un sistema di attuazione del freno elettromeccanico all’avanguardia a livello mondiale per l’applicazione su velivoli di piccola taglia. Le attività di progettazione e analisi permetteranno inoltre di raggiungere una configurazione ottimale del  sistema che possa minimizzarne il peso e che allo stesso tempo riesca a migliorarne la sicurezza, il consumo energetico, l’economicità, utilizzando criteri di efficienza tecnologica e produttiva per essere pienamente conforme al piano di approvazione. 

L’output finale del progetto E-BRAKE sarà un prototipo finalizzato del sistema frenante elettro-meccanico, che verrà in seguito installato su una gamba carrello del velivolo P180 della Piaggio Aerospace ed integrato a livello velivolo tramite le opportune interfacce elettriche, meccaniche e logiche, al fine di avviare la fase di test funzionali e di verifica d’impiego.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *